Nuova serie Magnetic di Frascold

La risposta alla Tier 2

4 min. di lettura
Serie Magnetic

La gamma creata per soddisfare i severi standard richiesti SEER, SEPR e SCOP.

Nel settore del condizionamento dell’aria è in atto un vero e proprio cambio di paradigma, dettato dalla necessità di rispondere alle normative internazionali, sempre più stringenti in termini di efficienza. In particolare, in Europa i player del comparto sono alla ricerca di tecnologie di condizionamento, pompe di calore e chiller in grado di rispondere ai parametri della direttiva Ecodesign 2009/125/CE, correlati alla seconda fase temporale Tier 2, entrata in vigore dal 1 gennaio 2021 e alla 2012/27/UE. In tal senso, Frascold lancia Magnetic, la serie di compressori a vite compatti con innovativi motori IPM (Interior Permanent Magnet), in grado di assicurare le migliori performance energetiche, in particolare a carico parziale.

 

La gamma, concepita per soddisfare i severi standard richiesti SEER, SEPR e SCOP, è ideale nel segmento del comfort e process cooling e per applicazioni con pompe di calore. Magnetic offre un ampio range di potenze frigorifere, grazie ai 5 modelli che spaziano da 170 a 310 HP, per spostamenti volumetrici da 137 m3/h a 1.054 m3/h.

Serie Magnetic
Serie Magnetic

Al cuore della linea Magnetic vi è il motore sincrono con magneti nel rotore elettrico, che elimina il fenomeno dello scorrimento ed è garanzia di un controllo più accurato della velocità, al fine di raggiungere capacità frigorifere elevate, anche con compressori di ridotte dimensioni. Ulteriore vantaggio della scelta di motori IPM è la notevole diminuzione della potenza assorbita, rispetto a soluzioni tradizionali, a favore di un risparmio energetico superiore.

Oltre alla riduzione dei consumi, la famiglia fa dell’affidabilità, semplicità e flessibilità, così come dell'integrazione all'interno di qualsiasi tipologia di impianto, i suoi punti di forza. In tal senso, rende possibile il conseguimento degli standard Tier 2, senza la necessità di ricercate soluzioni impiantistiche, lasciando ai costruttori la massima libertà nella progettazione e configurazione del sistema, anche nella scelta dell'inverter. Quest’ultimo permette di raggiungere velocità tra i 1.000 e i 5.400 g/min, ha un ampio range di regolazioni (20-100% nominali) e garantisce un avviamento soft.

Infine, i compressori sono equipaggiati con un sistema integrato di controllo del Vi a 2 livelli che garantisce alti livelli di prestazione, adattandosi automaticamente alle differenti condizioni operative. Il controllo del Vi è in grado di modificare la geometria della porta di scarico del compressore, tramite un modulo di regolazione posizionato nella scatola elettrica e già cablato ai trasduttori di pressione e valvola di controllo.